Roma: al policlinico Tor Vergata ecco la Tac Revolution, la più evoluta al mondo per diagnosi tumori

Presentata al policlinico di Roma Tor Vergata la nuova tac Revolution, la tac più evoluta presente nel mercato e la prima in Italia che utilizza la tecnica dello Spectral Imaging, che consente una maggiore precisione nella diagnosi e dei tumori e delle patologie cerebrovascolari. L’assessore regionale Alessio D’Amato era presente all’inaugurazione: Per noi è un elemento molto importante perché significa fare delle diagnosi più precise, più veloci e con un minor livello di esposizione per i pazienti”.

La prima in Italia, la più evoluta al mondo per le diagnosi di tumori e di patologie cerebrovascolari. Da oggi, primo aprile 2019, il policlinico di Tor Vergata di Roma avrà a disposizione la Tc Revolution, una tac (tomografia computerizzata) dotata di Spectral Imaging, cioè una tecnica che consente, spiegano i medici “la caratterizzazione dei tessuti corporei normali e patologici con significativi vantaggi clinici sia nelle patologie oncologiche che in quelle cerebrovascolari”. Si tratta della tac più sofisticata presente sul mercato e tre sono le caratteristiche che la rendono davvero innovativa: la grandezza del detettore, cioè lo strumento che acquisisce le immagini. In particolare può recepire immagini di organi in movimento, ad esempio il cuore, nel tempo di un battito. Inoltre, la sec onda caratteristica peculiare del macchinario, le dosi di radiazioni somministrate

al paziente sono l’80 per cento in meno rispetto alle tac tradizionali. Il terzo punto di forza è la tecnica già menzionata dello “Spectral Imaging”: si tratta della prima macchina installata in Italia ad utilizzare tale tecnica. Per mettere a proprio agio il paziente e per rendere più confortevole la sala, inoltre, nella sala della tac è stata installata una gigantografia del Parco degli Acquedotti. Nel 2018 al policlinico Tor Vergata sono stati studiati con la tac circa 30mila pazienti per un totale di oltre 43mila prestazioni. Quasi novemila pazienti sono stati invece sottoposti alla risonanza magnetica per un totale di oltre 11mila prestazioni. Il costo della nuova e rivoluzionaria tac ammonta a circa 2,6 milioni di euro.

L’assessore regionale D’Amato: “Diagnosi più precise e veloci”
All’inaugurazione del nuovo macchinario era presente l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato: “Bisogna investire nelle nuove tecnologie: questa è una macchina di ultima generazione, una delle poche in Italia in esercizio. Per noi è un elemento molto importante perché significa fare delle diagnosi più precise, più veloci e con un minor livello di esposizione per i pazienti”. L’assessore D’Amato ha inoltre dichiarato che la Regione Lazio “ha intenzione di fare un grande investimento nel rinnovo del parco tecnologico, perché lo riteniamo un elemento molto importante per migliorare la qualità dei servizi e dell’assistenza. Si tratta di una macchina che ha avuto un investimento di circa 2,6 milioni. Noi, nei prossimi anni, abbiamo intenzione di investire oltre 200 milioni di euro per il rinnovo del parco tecnologico, in tutta la nostra Regione e nel servizio sanitario e riteniamo che insieme al personale sia una delle due leve di carattere straordinario e strategico per migliorare i servizi”.

https://roma.fanpage.it/roma-al-policlinico-tor-vergata-ecco-la-tac-revolution-la-piu-evoluta-al-mondo-per-diagnosi-tumori/

01.04.2019

Comunicato Stampa PTV Tor Vergata